Categorie
Archivio articoli

Jack e Elly 5 Episodio

Eccoci arrivati al 5 Episodio di Jack e Elly

Cari lettori vi ricordo che cliccando nella sezione JACK E ELLY potrete trovare tutti gli episodi scritti fin’ ora. Commentate facendomi sapere il vostro parere 😉

5 EPISODIO

Jack (Liam)

Oggi ho davvero rischiato tantissimo, se non avessi insistito con Corinne a non fare andare via Elly avrebbe visto che il ragazzo attualmente in coma sono io. La devo smettere di rischiare in questo modo, potrei ferirla e non voglio. Un altra cosa che non riesco a comprendere è il fatto che anche Corinne possa vedermi, solo che lei ha subito capito la situazione, infatti ha tenuto il gioco, è una bambina incredibile com’è che ha detto “ Sei cotto di lei!” bhè, forse…ma sotto questa forma non è che io possa fare molto per dimostrarglielo, non sarebbe neanche giusto, se lei si innamorasse di me, di un quasi fantasma, se dovessi morire la farei soffrire troppo. Sto giocando col fuoco, dovrei, vorrei trovare una soluzione ma per adesso non so proprio come fare, inizierò con la verità. D’ improvviso però sento come una forza che mi attrae, contemporaneamente si apre un varco nel vuoto, è luminosissimo, mi invita a trapassarlo, così anche se con non poca paura lo faccio, mi avvicino lentamente, sento una voce chiamarmi dall’altra parte della luce “Jack, Jack, Jack…continua a ripetere il mio nome” entro e mi ritrovo avvolto da una strana nube, forse è così che accade quando si sta per morire, così mi ritrovo d’istinto a seguire quella luce anche se il mio pensiero costante resta la mia dolce Elly.

Elly

<<Hey bella straniera!>> La mia cara Jess anche questa mattina è alla macchinetta del caffè che mi attende <<Ciao Jess>>

<<Mi sbaglio o questa mattina siamo un po’ più felici del solito?>>

<<Già, sarà il tempo, hai visto che bella giornata di sole oggi?>>

<<Se come no! O forse potrebbe essere il ragazzo misterioso?>>

<<Può darsi!>> le rispondo con imbarazzo, poi non esito a mostrarle i miei dubbi <<Non so Jess, ormai ci conosciamo da più di una settimana, ci siamo visti praticamente ogni giorno ma sempre per caso o almeno credo, ieri dovevamo vederci come sempre quando finivo il turno, invece non c’era, allora penso… non mi ha mai chiesto il numero di telefono, non mi ha mai neanche sfiorato una mano…>> a quel punto Jess non nasconde lo sconcerto << Aspetta, aspetta…Fammi capire, non hai il suo numero? Cosa sai di questo Liam?>>

<<Praticamente nulla, o quasi. So che è un libero professionista, so che è argentino, so che non ama il freddo e che anche a lui piace passeggiare a Central Park>>

<<Tesoro mi dispiace dirtelo così, ma questa storia non mi piace. Non è che è sposato? Insomma non vorrei smontarti ma è un rapporto strano il vostro e non vorrei che ti facesse soffrire>>

<<Hai ragione Jess! Bisogna che lui mi dica qualcosina in più, se vuole continuare a vedermi, è che non so come spiegarlo ma istintivamente sento che posso fidarmi di lui>>

<<E va bene! Non insisto, promettimi solo di stare attenta>>

<<Promesso!>> e le sorrido dandole un bacio sulla guancia, l’adoro quando fa la sorellona protettiva.

Finito il turno vedo sul display del telefono dieci chiamate di Joshua e un messaggio vocale, questa volta prima di uscire dall’ospedale con la speranza che Liam sia fuori ad aspettarmi decido di chiamarlo, prima però ascolto il messaggio 

“ Elly perché non rispondi? Qui la situazione si è aggravata, tua madre è in terapia intensiva per il Covid e non fanno entrare nessuno, devi tornare e subito, magari tu essendo un infermiera potresti convincerli a fartela vedere” nell’udire le parole di Joshua sento il mondo crollarmi addosso, mi lascio cadere sulla sedia dello spogliatoio, mi sento d’improvviso senza forze, le lacrime iniziano a solcare il mio viso, lasciando che in me cresca la disperazione. D’improvviso sento due mani appoggiarsi sui miei capelli in una leggera carezza, un soffio quasi, così alzo il viso ancora nascosto tra le mani e vedo Liam su di me, mi guarda negli occhi compassionevole mentre continua ad accarezzarmi, è strano sembra quasi un’apparizione, come se stessi sognando, incredula chiedo <<Cosa?>> 

a quel punto le sue mani prendono le mie, tirandomi su dalla sedia e mi avvolge in un caldo abbraccio, provo emozioni fortissime in quell’istante e un senso d’appartenenza mai provato per nessuno, avvicina il suo viso al mio e sussurrandomi all’orecchio mi dice << Vai…vedrai che tutto andrà bene, fidati di me!>> Un attimo dopo sparisce.

Ancora confusa da ciò che ho visto e sentito faccio come mi dice, prendo su la borsa e vado, devo tornare a Leavenworth prima che sia troppo tardi. Prima di andare però decido di fermarmi nella terapia intensiva dell’ospedale, mi sento particolarmente attratta dalla stanza dove giace il corpo di quel ragazzo in coma, ci passo davanti ogni giorno e tutte le volte è come se quella stanza mi chiamasse così decido di entrare. Quando lo vedo non riesco a credere ai miei occhi è Liam “ Mio Dio Liam cosa ci fai qui!” Mi trovo ad esclamare da sola mentre le lacrime ancora una volta fanno capolino, mi faccio forza avvicinandomi al lettino, asciugo le lacrime e prendo una delle sue mani tra le mie “ Non so dove tu sia adesso, ma so che una parte di te può sentirmi, ti prego non lasciarmi! Ho bisogno di te ora più che mai>> lui però non si muove, vorrei che si risvegliasse all’istante, vorrei dirgli quanto è diventato importante per me e che adesso capisco il suo atteggiamento, ma mi limito a lasciargli un bacio sulla fronte e fiduciosa delle sue parole vado via “Ci vediamo presto!” Mi limito a dire, dopodiché corro verso casa per prendere il necessario e partire.

Di bees83

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...